What To Look For In An SEO Firm

Search engine optimization (SEO) is one of the core online marketing strategies that aims at bringing in more quality/organic traffic to a web page or business. With everyone competing for traffic and leads online, the only way your business stands a chance in the overly crowded marketplace is if you have the backing of a reputable SEO firm. While most SEO strategies are easy to learn and handle, a proper understanding of how to implement these to outdo your competition is needed to succeed. Having a good Search Engine Optimization company handle everything saves you both time, money, and other valuable resources.

3 Reasons to Hire an SEO Firm

Hiring an SEO expert is far more advantageous than handling the optimizations yourself. Some of the reasons, and benefits of hiring experts to optimize your website include:

1.It saves you time and money:

Proper understanding of how search engines work, keywords to optimize, and other page elements that promote site performance is needed to make an SEO campaign effective. While it may seem easy, SEO is a gradual process that requires time and expertise in the same. Trying to do it yourself means you have to invest much of your quality time researching and trying untested optimization techniques. Letting the experts do this for you however saves you both time and money, and also guarantees you performance and ROI in the long run.

2. Opens up new possibilities:

If handled and implemented correctly, an SEO campaign can open up your business to new opportunities by allowing it reach new heights. This becomes a reality once your pages’ start showing up on the top pages of search engines, which again gives your business exposure. The best thing about using a firm to do this is that they can link you up with other successful businesses in the industry, hence an excellent way to grow.

3. Proper website optimization:

Some of the best SEO firms in the industry have been around for quite some time. This means they are already conversant with the latest Google updates on SEO, and what techniques are efficient for businesses. Aside from optimizing your website for bots and search engine crawlers, these professionals strive to ensure the site is practical and easy to use. There are times when they may have to restructure it to ensure it is not only responsive but serves its purpose to the target audiences.

Factors to Consider When Hiring an SEO Company

1. Optimization tactics and techniques used:

Only look for a firm that employs white hat optimization practices. Most of the companies that promise fast results use unethical black hat practices to trick search engines into ranking your pages highly. While this may be enticing, you risk your site being de-indexed or even worse, have lawsuits behind your back. White hat (ethical) optimization tactics however ensure your website performance remains steady and achieves the ultimate goal.

2. Portfolio and Track Record:

Each candidate should have a solid portfolio backing their accomplishments and past projects handled. One of the best ways to deter scammers is to ask for a detailed report on a previous project, and how they achieved the same. Be sure to look into a company’s portfolio before giving them the green light.

3. Experience:

Experience in the search engine optimization field is a must for each candidate. It is through experience that a firm can assure you of guaranteed performance and value for your money as well. Aside from the number of years they have been in business, take some time to look into the number of successful projects handled within that period.

4. Customer Reviews and Testimonials:

Be sure to look out for testimonials and customer reviews from past clients. Scammers in the industry will have little to no reviews, while the best will have many good reviews and a few negative ones. You, however, should be wary of companies that use ‘doctored’ testimonials just to entice unsuspecting customers their way.

5. Reputation and Deliverables:

Finding an SEO company you can trust can be quite a challenge. Digging into the company performance and customer service can, however, help you find the perfect candidate for the job. Some of the aspects to consider here include the customer ratings, external reviews, and track record. How much the firm can deliver, and the timeframe is another factor to consider before making the hire. A trustworthy company will be able to provide extensive progress reports and even give a timeframe when you should start seeing results. All these should be realistic and workable.

The price factor should always come last when shopping for a good SEO agency. While some companies may be out there for your money, you shouldn’t fall for cheap quotes either. Only hire a company with a clean and proven track record, reputable, affordable, and with an excellent customer support system.

Find more info about us here:
http://www.aboutus.com/Superbsystems

Using Majestic Topical Flow

Understanding How to Measure the Power of a Website Using Majestic Topical Flow

It seems as though people from all over the world are always coming up with new ideas on how to improve search ranking for their websites and business corporations and today, we are going to go over how to measure the power of a website from using Majestic Topical Flow.

 

What Is Majestic Topical Flow?

This is a scoring tool that is based in England, which works much better with Internet Explorer pages, actually surveys, and maps the Internet in favors of specific search engine optimization rankings. The Internet map is used by New Media Specialists, SEOs, Online Marketing Experts, as well Affiliate Managers. Majestic Topical Flow is used for the following as well, Developers, Enterprise, Media Analysts, as well Entrepreneurs.

 

How Does One Understand and Use Majestic Topical Flow?

There are specific tools in which a person can use in regards of measuring and understanding the power of various websites and below in list form, we are going to go over each of those tools.

  • Site Explorer: This tool works as a chart in which will break down all the imperative and detailed information you need to take into consideration when comparing the power and search engine rankings toward other sites. So basically, Site Explorer is used as a comparison tool to inform you on how well and “powerful” your site is.
  • Compare Domains: This tool is used to equate; simple as that, but what is the site comparing? Well, the site compares your specific target type, trust flow, citation flow, referring domains, external backlinks and so forth. So basically, this tool compares the backboard data of your website.
  • Bulk Backlinks: This tool will permit you to investigate all the backlink numbers, going back for up to 400 URL’s by means of the paste URL feature! Keep in mind that this tool will also allow you to evaluate up to 100,000 URL’s from a precise file upload, but this will depend highly upon which type of subscription level you are under.
  • Search Explorer: This tool will allow you to perceive the in-depth list on how your exact website ranked in regards of URL, InAnchor, InTitle and overall, what the total was for that specific website in regards of other competition websites against your own.
  • Developer API: This specific tool is calculated for as average API approval which is available on quality plans, as well upwards. The Developer API has been fashioned specifically to give you an appropriate overview of Majestic’s obtainable data variety, validation methods, commands, implementation environments, as well commands. An excessive key element to keep in mind is that it would be best to be a programmer which is in ownership of a Developer API key.

Information on Using The API

The actual API operates over the HTTP protocol, which will take strictures from the demand and return a specific comeback in either the format of JSON or XML. Keep in mind that all data is conveyed in a format called, UTF—8, as well this format may hold HMTL entities.

References:
https://www.upwork.com/hire/api-developers/
http://www.johnnychenseo.com/houston/
http://www.johnnychenseo.com/top-houston-seo-company-2018/
https://www.toptal.com/api-developers

 

How to Choose the Right SEO Company in Houston

Houston is one of the most diverse places in Texas. With its big population, business has become a boom in this city especially when it comes to online marketing. Houston is no stranger to SEO companies. In fact, the best SEO company Houston has become famous that even businesses coming from other cities are working with them to improve their online presence.

There are many SEO companies in Houston and it might be a challenge to pick one. To be able to guide you in deciding which to hire, here are some qualities that they should have.

  1. They understand your business and your goals

A good SEO company to hire is one that takes time to understand your business. They should know the kind of customers you cater to, the kind of accent and taste the area you are in prefers, and the services and products you proved. More importantly, they should know your goals and what they hope to achieve working with an SEO company. This is because some SEO companies end up focusing on the number of people who go to your website that they forget that what actually matters is not just the foot traffic but also the added customers SEO tools bring.

  1. They explain the process of SEO as well as their plan for your business

You know your SEO company can be trusted when they let you in on the things they do. This means that they explain to you how they will achieve your business goals and they consult with you regarding some changes and information. After all, you are still the client and even if the SEO company knows more about the tools and algorithms of search engines, it is still a good practice to include the business owner in major decisions.

  1. They are a veteran in the SEO field

Years of experience is without a doubt one of the most important things to look into when hiring an SEO company. There are SEO tools that you can learn overnight but experience is the only teacher when it comes to knowing what works or not. Moreover, experience challenges the SEO company to be diverse in using tools and algorithms because there is no one-size-fits-all when it comes to search engines. Different businesses cater to different customers and places and this is something a new SEO company is not qualified to do yet.

  1. They have clients that became successful because of their help

Nothing speaks louder than success. An SEO company that you should look into is one that has a proven track record. It is not enough that they are famous because popularity will not cut it when it comes to search engines and customer searches. They must have clients that were able to achieve their goals because of the company’s help. If they do, rest assured that you are in good hands and the company knows what it is doing. Successful projects also tell you that they take their job seriously and that they are credible.

The company that we use and stand by for our SEO techniques is Impactnext SEO. They are also known as a top Baton Rouge SEO company.

La Gioconda, secoli dopo!

L’ingegnere francese Pascal Cotte, fondatore di Lumiere Technology ha esaminato il famoso dipinto rinascimentale di Leonardo Da Vinci, La Gioconda, con una macchina di sua invenzione, rivelando segreti e misteri ampiamente dibattuti sul dipinto.

La Gioconda è probabilmente l’opera di arte più conosciuta al mondo. Attualmente esposta al Museo del Louvre a Parigi (Francia), dopo secoli di esistenza, la pittura non poteva, naturalmente, essere intoccabile o esattamente come lo era quando è stato creato dalle mani del genio di Leonardo.

Entra in scena Cotte, che ha creato una macchina fotografica multispettrale di 240 megapixel con 13 lunghezze di onda della luce, dai raggi ultravioletti agli infrarossi, per generare immagini secoli “guscio” di cambiamento e di usura dipinti, rivelando il suo splendore originale.

Con l’uso della fotocamera sulla Gioconda, l’ingegnere è stato in grado di far luce su come l’artista ha dato vita alla figura dipinta e come questa risultava agli occhi di Leonardo e dei suoi contemporanei. Così i 25 segreti di “Lisa Gherardini, moglie di Francesco del Giocondo” (il nome ufficiale del dipinto) sono stati esposti.

Le novità

Nell’originale, il dipinto sembra un po’ diverso da quello che è ora, dice Cotte. “Il volto della Gioconda appare leggermente più ampio, il sorriso è diverso e gli occhi sono diversi,” dice. “Il sorriso è più accentuato, direi.”

Uno zoom sull’occhio sinistro della Gioconda rivela una sola pennellata nella regione sopracciglio. Il fatto del quadro, oggi, non mostrano sopracciglio era illogica, secondo Cotte. La verità, infine, è venuta alla luce: la Gioconda aveva sì un trattino sopra gli occhi.

Un altro dilemma è la posizione del suo braccio destro, che viene trafitto dal suo ventre. Questa è stata la prima volta che un pittore ha posizionato braccio e polso così. Mentre altri artisti hanno mai capito questo ragionamento del genio di da Vinci, è stato copiato in ogni caso.

Quello che Cotte ha scoperto era un pigmento dietro il polso destro, che corrisponde perfettamente con il pigmento di una “copertura” dipinta sul ginocchio della Gioconda. A causa di questo, la posizione aveva senso: l’avambraccio ed il polso sorreggono un lato di una “coperta”. “Il polso della mano destra è sollevato sulla pancia e non sembra logico. Ma se si guarda l’immagine profondamente nell’infrarosso si capisce che è perché ha uno straccio in mano “, dice Cotte

Le immagini dei raggi infrarossi hanno rivelato anche i disegni preparatori di Leonardo, che sono dietro strati di vernice e pittura, dimostrando che l’uomo del Rinascimento era anche umano. “Se si guarda la mano sinistra, si vede la prima posizione del dito ha disegnato e che poi ha cambiato idea”, dice Cotte. “Anche Leonardo da Vinci ha avuto esitazioni.”

Cotte ha anche trovato un laccio nell’abito della Gioconda e la coperta sulle sue ginocchia copre anche lo stomaco.

Per quello che riguarda le modifiche, è stato scoperto un cambiamento della posizione del dito indice sinistro e anche il dito medio. Il gomito anche è stato riparato a causa di danni causati da un sasso gettato in pittura nel 1956. Infine Cotte ha notato un dito sinistro non è stato completamente finito.

Cotte sostiene inoltre che la regione della sua testa, dove c’è un velo, da Vinci dipinse il paesaggio prima, e solo poi ha utilizzato le tecniche di trasparenza per dipingere il velo su.

Un’altra scoperta è che la macchia sull’angolo dell’occhio e sul mento della Gioconda sono incidenti con la vernice, che contraddice le dichiarazioni/assunzioni che lei era malata al momento della pittura. Un’altra speculazione che è stata fatta cadere è che Gioconda fu dipinta su una tavola di pioppo non tagliato.

Cotte spiega che guardando l’immagine ingrandita di Gioconda a infrarossi rivela la sua bellezza e il mistero. “Se si è di fronte a questo enorme allargamento della Gioconda, si capisce immediatamente perché è così famosa,” dice. “E’ qualcosa che devi vedere con i tuoi propri occhi.”

E si può, se si va negli Stati Uniti. Le immagini sono parte di una mostra, “Secrets Revealed Mona Lisa”, che debutta al centro Metreon di San Francisco, dove rimarrà fino alla fine del 2017.

L’ingegnere francese Pascal Cotte, fondatore di Lumiere Technology ha esaminato il famoso dipinto rinascimentale di Leonardo Da Vinci, La Gioconda, con una macchina di sua invenzione, rivelando segreti e misteri ampiamente dibattuti sul dipinto.

La Gioconda è probabilmente l’opera di arte più conosciuta al mondo. Attualmente esposta al Museo del Louvre a Parigi (Francia), dopo secoli di esistenza, la pittura non poteva, naturalmente, essere intoccabile o esattamente come lo era quando è stato creato dalle mani del genio di Leonardo.

Ed ecco la consulenza di Cotte a dare una mano. Entra in scena Cotte, che ha creato una macchina fotografica multispettrale di 240 megapixel con 13 lunghezze di onda della luce, dai raggi ultravioletti agli infrarossi, per generare immagini secoli “guscio” di cambiamento e di usura dipinti, rivelando il suo splendore originale.

Con l’uso della fotocamera sulla Gioconda, l’ingegnere è stato in grado di far luce su come l’artista ha dato vita alla figura dipinta e come questa risultava agli occhi di Leonardo e dei suoi contemporanei. Così i 25 segreti di “Lisa Gherardini, moglie di Francesco del Giocondo” (il nome ufficiale del dipinto) sono stati esposti.

Le novità

Nell’originale, il dipinto sembra un po’ diverso da quello che è ora, dice Cotte. “Il volto della Gioconda appare leggermente più ampio, il sorriso è diverso e gli occhi sono diversi,” dice. “Il sorriso è più accentuato, direi.”

Uno zoom sull’occhio sinistro della Gioconda rivela una sola pennellata nella regione sopracciglio. Il fatto del quadro, oggi, non mostrano sopracciglio era illogica, secondo Cotte. La verità, infine, è venuta alla luce: la Gioconda aveva sì un trattino sopra gli occhi.

Un altro dilemma è la posizione del suo braccio destro, che viene trafitto dal suo ventre. Questa è stata la prima volta che un pittore ha posizionato braccio e polso così. Mentre altri artisti hanno mai capito questo ragionamento del genio di da Vinci, è stato copiato in ogni caso.

Quello che Cotte ha scoperto era un pigmento dietro il polso destro, che corrisponde perfettamente con il pigmento di una “copertura” dipinta sul ginocchio della Gioconda. A causa di questo, la posizione aveva senso: l’avambraccio ed il polso sorreggono un lato di una “coperta”. “Il polso della mano destra è sollevato sulla pancia e non sembra logico. Ma se si guarda l’immagine profondamente nell’infrarosso si capisce che è perché ha uno straccio in mano “, dice Cotte

Le immagini dei raggi infrarossi hanno rivelato anche i disegni preparatori di Leonardo, che sono dietro strati di vernice e pittura, dimostrando che l’uomo del Rinascimento era anche umano. “Se si guarda la mano sinistra, si vede la prima posizione del dito ha disegnato e che poi ha cambiato idea”, dice Cotte. “Anche Leonardo da Vinci ha avuto esitazioni.”

Cotte ha anche trovato un laccio nell’abito della Gioconda e la coperta sulle sue ginocchia copre anche lo stomaco.

Per quello che riguarda le modifiche, è stato scoperto un cambiamento della posizione del dito indice sinistro e anche il dito medio. Il gomito anche è stato riparato a causa di danni causati da un sasso gettato in pittura nel 1956. Infine Cotte ha notato un dito sinistro non è stato completamente finito.

Cotte sostiene inoltre che la regione della sua testa, dove c’è un velo, da Vinci dipinse il paesaggio prima, e solo poi ha utilizzato le tecniche di trasparenza per dipingere il velo su.

Un’altra scoperta è che la macchia sull’angolo dell’occhio e sul mento della Gioconda sono incidenti con la vernice, che contraddice le dichiarazioni/assunzioni che lei era malata al momento della pittura. Un’altra speculazione che è stata fatta cadere è che Gioconda fu dipinta su una tavola di pioppo non tagliato.

Cotte spiega che guardando l’immagine ingrandita di Gioconda a infrarossi rivela la sua bellezza e il mistero. “Se si è di fronte a questo enorme allargamento della Gioconda, si capisce immediatamente perché è così famosa,” dice. “E’ qualcosa che devi vedere con i tuoi propri occhi.”

E si può, se si va negli Stati Uniti. Le immagini sono parte di una mostra, “Secrets Revealed Mona Lisa”, che debutta al centro Metreon di San Francisco, dove rimarrà fino alla fine di quest’anno.